Oltre quaranta casi e due decessi. Durata da agosto a ottobre del 2016. “Esclusi, come fonte di contagio, l’acquedotto pubblico Bizzozzero e la rete delle derivazioni, il sistema di irrigazione del campo sportivo in zona Montebello e la Casa di Cura Città di Parma”

– leggi l’articolo completo